Home Page


Fabrizio Sandretto - Il pianista del buio

emotività, speranze e sofferenze … ma soprattutto musica

 

Fabrizio Sandretto, il “Pianista del buio”

 

Fabrizio Sandretto è non vedente dalla nascita. Legge la musica con la punta delle dita e suona al pianoforte musiche di Chopin, Brahms, Casella e Khačaturjan. Tra le sue specialità i concerti al buio.

Notte di Note – sabato 3 dicembre a Rosà

In occasione della giornata mondiale della disabilità Notte di Note 3 dicembre 2022presso il Teatro Montegrappa nel comune di Rosà...
Read More

Concerto dell’amicizia

Concerto dell'amicizia dell'Associazione Giapponese del Nord Italia Domenica 30 ottobre 2022 ingresso ore 15.30inizio concerto ore 16.00 Sala Barozzi dell'Istituto...
Read More

Intervista al Maestro Sandretto

Intervista concerto con "il piansita del buio" Il Maestro Fabrizio Sandretto Venerdì 17 giugno 2022 ore 21,00 Circolo dei Lettori...
Read More

Racconti Antichi del Giappone Nord-Est

Racconti Antichi del Giappone Nord-Est Venerdì 13 maggio 2022 ore 21,00 Circolo dei Lettori - Via G. Bogino 9 Torino...
Read More

Eurovision Torino

9 maggio 2022 ore 17,30 Eurovision Village. Parco del Valentino, viale Virgilio
Read More

Il pianista del buio

Intervista di Silvia Colombini Fabrizio Sandretto e la sua musica: l'unico pianista concertista non vedente in Italia si racconta  Dove...
Read More

Classical Dream

Ogni giovedì su youtube la musica del Maestro Fabrizio Sandretto Video: - "Preludio in Mi bemolle Minore" di J. S....
Read More

Concerti al buio … il senso mancante

La tecnica perfezionata negli anni di studio e la professionalità che contraddistingue il Pianista del buio, sono espressi al massimo...
Read More

          

 

Note musicali … un piacere per l’anima

 

Maturità della tecnica e professionalità nell’esibizione, lui suona, gli altri ascoltano e si domandano come possa suonare così, con tanta naturalezza, disinvoltura, trasferendo tante emozioni. Lui suona ma non vede, gli altri non capiscono come possa scorrere i tasti senza vederli, ed ecco che il Maestro Sandretto, nei Concerti al buio, apre il suo mondo, quello del buio agli spettatori. Le luci si spengono e tutto succede senza che nessuno possa vedere. Solo apprezzare l’interpretazione musicale attraverso un processo di semiotica (dal termine greco σημεῖον semeion, segno) applicata ad un concerto in cui i segni sono il buio e le note.